Monday, 15th 07 2019
22:30:07

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Venerdì, 25 Marzo 2016 13:45

Ricordo di una Stella (Johan Cruijff 1947 – 2016)

Vota questo articolo
(1 Vota)

una foto di Johan Cruyff

di maurizio paolillo

 

Se n’è andato.

È tornato tra le stelle da dove era venuto, improvvisamente e miracolosamente, all’inizio degli anni settanta.

Anni turbolenti, anni in cui tutto stava cambiando, e tutti si sentivano protagonisti di quel cambiamento. E qualcuno lo era davvero…

Anche nel calcio tutto stava cambiando. E ciò che accadeva nel mondo del pallone prendeva spunto e si riverberava nel mondo del costume, nel modo di pensare, di apparire e di essere.

Il turbine del cambiamento sembrava penetrare ovunque e, nel calcio, era colorato di arancione. Era il colore delle maglie della squadra che incarnò, nei primi anni ’70, il cosiddetto “calcio totale”, che fece comprendere, a chi ebbe la fortuna di vederla, che il calcio fosse il gioco più bello del mondo e lo spettacolo più appassionante ed avvincente che possa esistere.

E al centro di quel turbine c’era un numero 14.

Non il 9 o il 10, i numeri portati dai grandi miti degli stadi. Il 14 è un numero fuori dalle righe, fuori da tutti gli schemi e le convenzioni.

Identificava un personaggio che è stato per tutti un gigante nella storia del calcio. Ma per me, e per tanti ragazzi degli anni settanta, Johan Cruijff è stato letteralmente una leggenda.

Era dotato di classe immensa, corredata da innato carisma. Elegantissimo e potente insieme, ambidestro assoluto, lo si può ricordare per il suo caratteristico modo di calciare d’esterno, per il modo di stare in campo sempre a testa alta, per i suoi micidiali affondo palla al piede che, in venti metri, riuscivano a fare secca l’intera squadra avversaria. Ma fu soprattutto un sensazionale “uomo-squadra”. Ci sono stati altri leader autorevoli come lui, altri cosiddetti “allenatori in campo”, che facevano girare la squadra intorno a sé, dettandone i tempi. Lui era tutto questo, era l’uomo che con gesti e parole disponeva i compagni in campo, dettava le modalità del movimento collettivo, del caos organizzato che rappresentava il marchio di fabbrica della nuova scuola olandese; ma fu anche un grande realizzatore, un idolo e un trascinatore per il pubblico; un grande calciatore, ma anche un allenatore innovativo e carismatico e un manager efficace ed efficiente.

3 volte "Pallone d'oro", segnò 402 gol in 716 partite da professionista.

Prima fece dell’Ajax di Amsterdam una squadra dominatrice e quasi imbattibile: dal ’69 al ’73, disputò 4 finali di Coppa dei Campioni, vincendone 3.

Al Barcellona, continuò a mietere successi da giocatore e soprattutto da allenatore (in 8 anni sulla panchina, 4 campionati consecutivi, una Coppa nazionale, una Coppa delle Coppe e la prima Coppa dei Campioni), ma soprattutto gettò le basi per fare del club catalano (e, per certi versi, della nazionale spagnola) la fantastica compagine che è divenuta negli anni recenti.

Nella sua Nazionale giocò 48 gare segnando 33 reti. Ne fu sempre il leader incontrastato, ma, ai Mondiali di Germania del ‘74, giunse col piglio del “Condottiero Indomito” alla conquista del Mondo.

Gli Orange conquistarono, cammin facendo, il ruolo di protagonisti assoluti di quell’edizione della Coppa del Mondo, con una squadra che appariva ai comuni mortali come un manipolo di superman, grandi atleti e ottimi calciatori, con alcuni campioni assoluti, Ruud Krol e Johan Neeskens su tutti, guidati, in campo e fuori, dal Divino Comandante Cruijff.

Quella era un’epoca in cui i sistemi di gioco erano pochi e chiaramente definiti: c’era il calcio del Nord Europa, il “calcio atletico”, basato su muscoli, corsa, aggressività e possesso palla; c’era il modulo all’italiana, tutto difesa e contropiede; c’era il modulo sudamericano, più propriamente brasiliano, tutto tecnica ed estro, poca tattica e attenzione alla difesa pressoché nulla.

Con gli olandesi cambiava tutto. Tutto era trasformato in un grande magma tattico, in cui il concetto di ruolo perdeva di definizione: i difensori a turno impostavano il gioco e si proiettavano dentro l’area, il centravanti giostrava per tutto il campo fin dentro la propria area di rigore a iniziare l’azione, le punte laterali svariavano su tutto il fronte offensivo e arretravano a prendere palla e favorire gli inserimenti, i centrocampisti erano spesso i finalizzatori principali. Il concetto stesso di difesa era così stravolto da lasciare addirittura esterrefatti: in condizione di non possesso, arretravano tutti dietro la linea del pallone e, improvvisamente e senza un apparente motivo, si lanciavano in stuolo (4, 5, anche 8 giocatori) sul portatore di palla; un pressing parossistico che, in genere, consentiva il recupero e la ripartenza, ma, altrimenti, lasciava inopinatamente l’intero attacco avversario in fuorigioco.

Un caos apparente che il Maestro Gianni Brera, definì, con uno dei suoi classici neologismi panturbiglione. E a governare il panturbiglione c’era lui, Johan Cruyff, uno degli dei dell’Olimpo del calcio, domatore di belve e direttore d’orchestra, profeta di un calcio come forma d’arte e di una vita come sfida continua.

L’Olanda fece la rivoluzione anche fuori dal campo. L'organizzazione del gruppo, i metodi di allenamento, le modalità di relazione fuori del rettangolo di gioco rispecchiavano a pieno quel clima di sconvolgimento culturale che si respirava nelle Università e nelle strade di tutt’Europa. Gli atleti vivevano in modo del tutto rilassato il loro impegno, con un approccio estremamente libero e aperto: furono i primi ad accantonare il tabù del sesso, a superare gli stereotipi dell'astinenza quale presupposto dell'efficienza fisica, tanto che portavano abitualmente, con allegria e disinvoltura, mogli e compagne in ritiro con loro.

Sarà stato forse proprio questo atteggiamento estremamente disinvolto, o forse la non semplice convivenza tra personalità troppo prorompenti, a far sì che quella meravigliosa compagine, che rappresentava un modello inarrivabile, non riuscì in pratica a vincere mai niente, a cominciare dalla finale di quei mondiali tedeschi, che gli atleti arancioni affrontarono da superfavoriti e finirono col perdere proprio contro gli immarcescibili padroni di casa, un elemento che, forse, rende ancor più simpatici e incrementa l’aura di nobiltà di quei prodi cavalieri.

Nulla, in ogni caso, poté mai intaccare l’alone di leggenda che era sorto intorno al loro Grande Condottiero, personaggio magnetico, sempre sopra le righe, stella di prima grandezza capace di restare sempre in bilico nel firmamento e non cadere mai nella polvere.

Una volta dichiarò; ≪Quando l'allenatore dà lo stop senti il cuore che batte vertiginosamente, sembra che debba scoppiarti nel petto: devi riuscire a ricondurlo al suo ritmo normale in meno di due minuti; se non ci riesci è meglio che apri una tabaccheria o tenti di diventare Presidente del Consiglio: vuol dire che hai sbagliato mestiere≫.

Lui, per fortuna, non ha mai tentato di diventare Presidente del Consiglio…

Letto 1515 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.