Tuesday, 19th 06 2018
12:11:48

Abbiamo 45 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Venerdì, 22 Aprile 2016 14:57

Voglio vivere così

Vota questo articolo
(1 Vota)

Voglio vivere così

col sole in fronte

e felice canto

beatamente...

Voglio vivere e goder

l'aria del monte

perché questo incanto

non costa niente

una delle immagini del gruppo

Ogni squadra di calcio sogna di vivere un giorno così.

Ogni ragazzo che scende in campo, giovane o meno giovane perché l’età non cambia gli stati d’animo, sogna di vivere una stagione ricca di gioie.

Ogni tifoso immagina il momento della vittoria e ognuno vive l’annata a modo suo: c’è chi è ottimista di natura e ci crede dalla prima giornata, c’è chi è pessimista anche quando sei primo in classifica e teme il cosiddetto calo psicologico, c’è chi alterna i due momenti di cui sopra secondo il risultato domenicale.

Ogni allenatore e il suo staff sogna di costruire il campionato perfetto, ben sapendo che la ricetta magica non esiste, ma nel suo viaggio cercherà di commettere meno errori possibili: la sua deve essere la vittoria del gruppo, lui è al servizio della comunità e sa bene che se le cose andranno bene gioirà insieme con gli altri e se andranno male, si sentirà più solo.

Ognuno di noi, dopo la finale di San Marzano (spesso ritorna nei nostri racconti perché rappresenta un importante momento sportivo), ha sognato di vivere un’attesa come quella di questa settimana.

Il successo regalerebbe la matematica vittoria del campionato al Cava United con due giornate di anticipo. L’ostacolo è di quelli difficili e si chiama Don Bosco.

La squadra salernitana, peraltro rivelazione del campionato e in piena zona play off, è stata l’unica, al momento, capace di battere gli uomini di Pasquale Senatore, in una gara in cui il Cava United era passato in vantaggio e non seppe resistere al ritorno dei padroni di casa; una sconfitta comunque salutare per i metelliani che da lì in poi hanno cominciato a inanellare una serie di risultati positivi.

Per chi vi scrive, è il momento di godersi ogni istante di questa settimana, impegnativa senz’altro poiché cercheremo di non lasciare nulla al caso, consapevoli che il momento di alzare le braccia al cielo potrebbe anche non arrivare…ma non diciamolo troppo forte.

Quando arrivi a giocarti una promozione, pur se i tuoi principali obiettivi restano fermamente quelli di esserci, e riesci a rendere concreto nella tua mente quali e quanti sacrifici hai fatto per essere lì a un passo da questa grande gioia, è fin troppo banale parlare di vittoria del campionato. E’ un momento più grande, va gustato in tutta la sua essenza e probabilmente durerà per un bel po’ di tempo.

Essere proprietario della propria squadra di calcio significa aver vissuto in maniera intima tutto quello che c’è dietro una squadra di calcio, che non è solo una squadra di calcio.

Questi primi due anni di vita della nostra cooperativa sportiva ne sono un chiaro esempio: l’entusiasmo contagioso, le difficoltà a diventare gruppo, le soddisfazioni di aver creato una famiglia squadra-tifosi-soci, i momenti bui, le sconfitte e le vittorie, le perdite dei nostri cari, l’arrivo di vite nuove, le unioni e le separazioni.

Tutto vissuto a mille. Difficile spiegarlo a chi è abituato a vivere il calcio in poltrona o segue la propria squadra del cuore pagando semplicemente il biglietto. E’ più complicato partecipare in maniera attiva (o a distanza come i tanti soci che vivono lontano dalla nostra città e che non fanno mancare il loro contributo d’idee ed economico), ci porta a delle rinunce ma si è ripagati con una moneta che non si può scambiare.

Per questo sabato non si fanno appelli, perché sabato chi vuol bene a questa comunità non può mancare.

Cava United – Don Bosco: a tre punti dalla meta.    

Letto 1385 volte
Altro in questa categoria: « A tre punti dalla meta Grazie ragazzi »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.