Friday, 22nd 09 2017
17:14:37

Abbiamo 71 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Google+: u/0/100341328843922730230
  • Picasa: 110953083082960306505
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Articoli Cava United

Articoli Cava United (128)

Vota questo articolo
(1 Vota)

Murcia, città della Spagna meridionale, capitale della comunità autonoma di Murcia. Un vero e proprio colpo di fulmine. Quell’evento che, a prima vista, ti lascia a bocca aperta e senza fiato per un momento. Quel qualcosa, una persona, un luogo, un accadimento, un oggetto, una squadra di calcio o altro, che in un attimo rimangono indelebili nel cuore. Un lampo per sempre. Frazioni di secondo, dove ti sembra familiare quel tale posto, ti sembra di conoscere da una vita quella persona; dove quell’evento non è avvenuto per caso, che quella squadra è anche la tua, perché è già parte di te. È un’emozione che durerà per sempre. Proprio questo abbiamo provato, lo scorso fine settimana, durante la nostra permanenza nella bellissima e accogliente città di Murcia, che ci ha ospitato grazie ai ragazzi del CAP Ciudad De Murcia (Club di Azionariato Popolare), in occasione della visita per il progetto  Erasmus “Clubs and Supporters for Better Governance in Football”.

Nonostante le inevitabili differenze culturali ci siamo sentiti sin da subito a nostro agio; abbiamo trovato un gruppo di persone cordiali e accoglienti, le quali hanno reso la nostra esperienza familiare e piacevole. La facilità e la libertà con cui abbiamo condiviso le nostre idee e i nostri ideali, ci ha permesso di vivere un’esperienza unica. Ci siamo confrontati e consigliati in merito alle nostre rispettive esperienze. Abbiamo visto con i nostri occhi quanta passione mettono in campo queste persone. Un gruppo ben strutturato a seconda delle attività da svolgere; un gruppo ottimamente guidato da due giovanissimi che, tra presidente e vicepresidente, non arrivano ai 70 anni di età.

La passione e l’impegno che tutti mettono nella loro creatura è visibile e riscontrabile nelle molteplici attività del club: dal fornitissimo e variegato merchandising, alle iniziative domenicali. Quella di domenica, ad esempio, ha visto coinvolte poco prima della gara all’interno dello spogliatoio, le famiglie dei calciatori con l’obiettivo di sostenerli e motivarli per l’importante match salvezza, poi finito in parità.

È grazie a questi momenti “fulminei” che abbiamo instaurato nuove amicizie e consolidato altre; il tutto condito dall’allegria e la goliardia tipica dei paesi mediterranei. I ragazzi spagnoli ci hanno aperto le loro case e accolto con sincerità e semplicità d’animo. Abbiamo avuto la possibilità di visitare una bellissima e florida città, definita “la grande sconosciuta”, che nulla ha da invidiare alle più famose e visitate città spagnole. Una città dove l’allegria, il clima, l’ottimo cibo e la “cerveza” locale, la fanno da padrone. Tutto questo è stato possibile grazie al calcio, quello dei veri valori, quello sincero e genuino dei campi di periferia, dove i tifosi sono attivi protagonisti e non spettatori inermi e accondiscendenti. Perché IL CALCIO E’ DELLA GENTE che sia Spagna, Italia o Lapponia… perché le emozioni non hanno padroni, né confini, né latitudini.

Mercoledì, 03 Maggio 2017 20:05

Under 17. L'entusiasmante trasferta di Sapri.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Domenica pomeriggio l’Under 17 del Cava United ha affrontato in trasferta la Pixous Sapri. La partita è terminata con il risultato di 3 a 3. La gara è stata molto entusiasmante e le due squadre si sono affrontate a viso aperto. Nel secondo tempo il Cava United ha effettuato una grandissima rimonta, giocando una delle sue migliori partite.

La giornata è cominciata nel migliore dei modi per i ragazzi e lo staff della squadra cavese, i quali hanno trascorso alcune ore in tranquillità sul litorale della città di Sapri, con un piacevole pranzo a sacco, nonché un bel bagno rinfrescante. 

Durante la gara, la squadra allenata da mister Trapanese è subito passata in vantaggio con un gol su calcio di punizione del difensore Trezza. Quest’ultimo, con una traiettoria a scavalcare la barriera, ha colto impreparato il portiere avversario.

Poco dopo, però, la compagine casalinga ha agguantato subito il pareggio, segnando dagli undici metri. Il rigore, causato da Vitale, è stato calciato in maniera impeccabile, senza lasciare scampo all'estremo difensore Pecoraro, che pur aveva intuito la conclusione. Poco dopo l’estremo difensore metelliano è costretto a lasciare il terreno di gioco dopo uno scontro fortuito di gioco.

Il gol del vantaggio della squadra di casa arriva a metà del primo tempo. La retroguardia metelliana non intercetta un cross avversario, la palla arriva a uno degli attaccanti avversari che, indisturbato, trafigge il subentrato Lazzarini.

La rete del doppio vantaggio della Pixous è stata siglata con un pallonetto a scavalcare l'appena entrato Lazzarini. Nel finale del primo tempo, è stata colpita la traversa da Trezza, nuovamente da calcio da fermo.

Nel secondo tempo la storia è cambiata. L’allenatore Trapanese ha rivoluzionato la squadra effettuando ben tre sostituzioni e il Cava United ha accorciato le distanze con il solito Senatore, il quale  dopo aver recuperato con caparbietà una palla sulla trequarti, ha superato in velocità un difensore e trafitto con una conclusione angolata l'estremo difensore. Dopo pochi minuti Trezza ha siglato la doppietta personale, nuovamente da calcio piazzato. Questa volta la sua conclusione è stata deviata da un avversario in barriera, deviazione che ha spiazzato il proprio portiere.

Il Cava United, sulle ali dell’entusiasmo, ha avuto due grandi opportunità per andare in vantaggio, sempre da calcio piazzato. La prima punizione, calciata da Virno, pur essendo a distanza siderale dalla porta avversaria, ha costretto l'estremo difensore bussentino ad effettuare un intervento spettacolare.

Successivamente, per la seconda volta una punizione di Trezza si è stampata sulla traversa.

Nel finale è stato espulso Di Mauro per un fallo da ultimo uomo e uno dei giocatori della Pixous, per fallo di reazione dopo aver subito l'intervento dello stesso Di Mauro.

Il match è terminato, così, con il risultato di 3 a 3.

Questa gara non ha permesso al Cava United di scalare la classifica, ma ha dimostrato che questa formazione è in grado di esprimere un gioco di alto livello, dando filo da torcere alla Pixous, squadra che staziona nelle zone alte di questo campionato. Quest’ultima trasferta si è dimostrata davvero appassionante e divertente e domenica prossima il Cava United dovrà terminare la stagione nel miglior modo possibile, cioè festeggiando con una bella vittoria nella sfida casalinga contro la Real Boschese.

Alè United...

Martedì, 04 Aprile 2017 15:42

Under 17 Cava United travolto dalla Nocerina

Vota questo articolo
(1 Vota)

Domenica mattina il campo di Santa Lucia di Cava de’ Tirreni è stato il palcoscenico del match tra Under 17 del Cava United e Nocerina, valido per il campionato regionale. La formazione ospite ha battuto il Cava United con il risultato di 0-3, risultato troppo penalizzante per la formazione di casa per quello che si è visto in campo. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto e la gara è stata molto equilibrata durante la prima frazione di gioco. La rete del raddoppio degli ospiti, però, ha demoralizzato i calciatori metelliani, che nel finale hanno ceduto incassando la terza rete.                                                              

Nel primo tempo il Cava United è andato subito molto vicino al gol del vantaggio, precisamente in due occasioni. La prima si è generata su iniziativa del centrocampista Caso, che avanzando palla al piede, ha seminato il panico tra la retroguardia avversaria, servendo splendidamente Battimelli al centro dell'area di rigore. La conclusione dell’attaccante biancoblu, tuttavia, è stata rimpallata da un difensore e la sfera è carambolata sui piedi di Guarino, che ha calciato alto sopra la traversa, non inquadrando lo specchio della porta. Dopo pochi minuti dalla scampato pericolo, la Nocerina è passata in vantaggio con l'attacante numero 9, autore tra l’altro di una tripletta. Quest’ultimo ha raccolto l'assist fornitogli dal compagno sul filo del fuorigioco e insaccato l'incolpevole Lazzarini.

La ripresa si è aperta con la rete del raddoppio della Nocerina; sempre il numero 9 ha approfittato di un'incertezza difensiva e ha trafitto per la seconda volta l'estremo difensore metelliano. Il Cava United non ha giocato male, e per larghi tratti ha gestito il gioco con un certo ordine. La squadra, allenata da mister Trapanese, è rea di non aver finalizzato le occasioni avute, come accaduto nelle precedenti gare. Così la formazione ospite ha dilagato, segnando nel finale l'ultima rete del match, siglata nuovamente dal numero 9 nocerino, che da distanza ravvicinata non ha lasciato scampo al portiere del Cava United. Infine, con la testa già nello spogliatoio, decisiva la parata di Pecoraro, subentrato a Lazzarini, che ha evitato il poker rossonero.

Questa sconfitta non deve essere considerata soltanto negativa, perché pur essendo schiacciante, può fornire indicazioni per le prossime gara dell'Under 17 dello United. Inoltre è chiaro che nella prima fase di questo campionato il Cava United aveva una marcia in più, cosa che ha messo in difficoltà formazioni di un certo livello come la Cavese, la Pixous Sapri e la Nocerina stessa: la “cazzimma”, che sembra aver abbandonato i calciatori biancoblu. Bisogna ritrovare questa grinta, per tornare ad essere competitivi e onorare il campionato in queste ultime gare.

Alè United...

Domenica, 02 Aprile 2017 11:58

È crisi. E non solo di risultati

Vota questo articolo
(0 Voti)
Raccogliere la concentrazione, prendere la tastiera e buttare giù due righe per raccontare la terza sconfitta consecutiva della nostra squadra, non è tra le imprese più semplici da affrontare.
Pur provando a cercare sempre il lato positivo in ogni situazione che siamo abituati ad affrontare, è chiaro che siamo di fronte ad un’evidente crisi. E non solo di risultati.
La Don Bosco 200, con la vittoria di ieri pareggia i conti con i metelliani, in vantaggio fino ad ieri negli scontri diretti con la bella realtà dell’oratorio salernitano; in questi due anni abbiamo apprezzato la correttezza di questo gruppo e possiamo affermare che è senza ombra di dubbio una delle squadre che affrontiamo e affronteremo sempre molto volentieri: molto bello, a margine della gara di ieri, il momento del terzo tempo con le due squadre a chiacchierare insieme a fine gara.
Chissà, forse è proprio questo il lato positivo che cercavamo per raccontarvi della gara di ieri. Un grande passo avanti verso l’accettazione del risultato del campo.
Per il resto la squadra di Bafundi con un gol per tempo espugna il “Santa Lucia”, sfiora in altre occasioni il gol in ripartenza, rischiando di rendere ancor più amaro il pomeriggio alla “Doce”; troppo poco hanno fatto i ragazzi di mister Senatore per riagguantare la gara, complice anche la scarsa vena realizzativa degli attaccanti che, nel momento topico della ripresa, hanno fallito alcune occasioni importanti.
Come ampiamente anticipato, questo fine settimana abbiamo ricevuto la visita nella nostra città di una rappresentanza di soci/tifosi del CAP Ciudad de Murcia, nell’ambito del Progetto Erasmus+ per una migliore “governance” nel calcio. Ebbene, gli amici di Murcia hanno sottolineato a fine partita in maniera molto onesta e chiara che è sembrato fosse la Don Bosco a giocare per i playoff e il Cava United giocare senza particolari stimoli di classifica. Come dar loro torto. Hanno anche aggiunto alcune considerazioni interessanti circa l’importanza per un Club come il nostro a tutela dell’attaccamento “el sentimiento” tra squadra e tifosi, cosa che quest’anno è innegabilmente mancata. Per come la intendiamo noi e per come vorremmo si trasformasse in energia positiva: “senza el sentimiento calano anche le qualità tecniche”.
Probabilmente cose che conosciamo già, ma osservate da uno sguardo esterno, con tanta palestra alle spalle, diventano consigli importanti.
Nel frattempo salutiamo calorosamente Uli e Jose, sperando si siano trovati bene qui a Cava de’ Tirreni; appuntamento con loro e con la tifoseria del CAP Ciudad tra un mese circa a Murcia.

Lo United nella vita
Non solo alla partita

 

Mercoledì, 29 Marzo 2017 13:31

Senza fiato

Vota questo articolo
(1 Vota)

Un pugno nello stomaco. Uno di quei colpi che ti lascia senza fiato.

La consapevolezza di avere poche energie residue, ma devi reagire perché ne va del futuro di tutto un movimento che hai contribuito con i tuoi stessi sforzi a costruire; i tuoi sforzi, te ne convinci, non possono essere stati vani.

Da più parti ricevi incoraggiamenti a non mollare: “c’è bisogno di gente come voi per dare credibilità a questo sport sull’orlo di una crisi insanabile” dicono.

Hai bisogno dei tuoi amici per confrontarti e cercare di raddrizzare una situazione in cui non ti saresti mai voluto trovare.

Una parte di te non si spiega la distanza, le incomprensioni, le gesta autolesionistiche; una parte di te, che è solo una parte di tutta una comunità, non se lo spiega, ma si rende conto che la differenza la può fare proprio la vicinanza, la diversità, il volersi mettere in gioco, l’umiltà. Da parte di tutti.

Siamo a una svolta importante. Questa stagione “maledetta” deve comunque restituirci qualcosa di importante, non può finire con quest’aria pesante che tira da un bel po’ e sembra non volerne sapere di farci respirare senza affanno.

Le teste basse dei ragazzi dopo la batosta rimediata a Bracigliano possono sembrare un segnale di resa, ma ci auguriamo che non sia così. Sarebbe quella la vera delusione: la resa.

La gente che ha seguito la trasferta di sabato scorso, ha dato un segnale inequivocabile alla squadra: la serenità.

A nessuno piace perdere, il campo nella maggior parte delle volte ti restituisce quello che hai sudato in settimana e difficilmente si sbaglia. Il campo.

Pertanto bisogna saper accogliere quello che il campo ti restituisce, facendo tesoro delle sconfitte per trasformarle in future vittorie. Ci vuole maturità e tanta umiltà.

Questa stagione “maledetta” potrebbe, quindi, trasformarsi nella stagione più importante. Per tutti. Nessuno “escluso”.

A margine di questa breve riflessione, invitiamo tutti i simpatizzanti dello United a essere presenti sugli spalti del comunale di Santa Lucia, sia sabato pomeriggio alle ore 16 in occasione della gara contro la Don Bosco, sia domenica mattina alle ore 11 per la gara dell’under 17 contro la Nocerina.

Si rammenta, inoltre, che nel tardo pomeriggio di venerdì giungerà a Cava de’ Tirreni una rappresentanza di soci/tifosi del Cap Ciudad de Murcia, nostro partner nel progetto Erasmus+, i quali saranno accolti presso la “Doce” per un caloroso benvenuto. Da non perdere.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Domenica mattina presso il campo di Piedimonte in Nocera Inferiore, l'Under 17 del Cava United ha affrontato la compagine dell'Alfaterna Pagani. La gara è terminata con il risultato di 1-1, dopo un primo tempo in ombra dello United e una ripresa in costante crescita.

I ragazzi, allenati da ora  da mister Trapanese, hanno cominciato la gara nel peggiore dei modi, andando subito in svantaggio. L'Alfaterna Pagani, in completo giallo, ha segnato dopo pochi minuti dall'inizio dell'incontro. L'attaccante numero 10 è stato servito splendidamente in profondità, e avanzando palla al piede ha calciato centrando l'angolo destro della porta. Niente da fare per l'estremo difensore bianco-blu Pecoraro.

Verso la metà del primo tempo, la squadra di casa è andata vicinissima al raddoppio, ma in questo caso ha trovato l'attenta risposta di Pecoraro, che ha deviato la conclusione angolata sul fondo.

Nella ripresa la musica, però, è cambiata. Il Cava United ha finalmente incominciato a giocare in modo ordinato, trovando continuità nel costruire la manovra offensiva e creando numerose occasioni da goal.

La prima grande opportunità è capitata a Senatore, che su assist di Battimelli, ha aggirato in velocità la difesa, ma la sua conclusione è stata parata dal portiere avversario.

Durante tutto il secondo tempo, l'Alfaterna si è avvicinata raramente alla porta difesa da Pecoraro, a causa del gioco travolgente dello United. La squadra di casa ha, inoltre, dovuto terminare il match in dieci uomini, per via dell'espulsione di uno dei suoi calciatori.

Un'altra grande occasione per pareggiare i conti, è stata sprecata dal centrale difensivo Santoriello, che ha colpito di testa indisturbato senza centrare lo specchio della porta.

Successivamente, ancora una volta Senatore ha impensierito la retroguardia avversaria calciando dal limite dell'area di rigore: in quest’occasione c’è stata l'opposizione dell'estremo difensore paganese.

A circa dieci di minuti dalla fine dell'incontro, lo United ha trovato meritatamente il goal del pareggio. Un cross in area di rigore è stato controllato prima da Crispino, poi da Vitale e infine spedito in fondo al sacco dallo stesso Crispino.

La formazione metelliana ha anche rischiato di vincere la partita, ma il direttore di gara ha annullato ingiustamente  una rete a Santoriello nel finale.

Il Cava United deve continuare in questo modo, giocando come nella seconda frazione di gioco. Lo spirito dimostrato domenica nella ripresa è quello giusto. La prossima gara sarà disputata in casa contro la Nocerina, e occorre davvero grande grinta e determinazione per affrontare una delle formazioni più forti di questo campionato.

Forza United...

Domenica, 26 Marzo 2017 19:14

La débâcle di Bracigliano

Vota questo articolo
(0 Voti)

Pomeriggio da dimenticare, nel senso reale del termine, per i ragazzi del Cava United.

Dimenticare al più presto tutto quello successo ieri al comunale di Bracigliano e ritrovare al più presto le  necessarie energie mentali (soprattutto) e fisiche, per concludere una stagione partita con ben altre ambizioni.

Il Bracigliano, compagine esperta, ha saputo sfruttare in pieno tutte le occasioni e ha meritatamente  vinto la gara, anche se ad onor del vero il passivo di quattro a zero è troppo severo e non rispecchia in pieno l’andamento della partita.

I prodromi di un pomeriggio  infausto si materializzano subito,  la squadra locale sigla il “gol de vestuarios” dopo appena  due minuti, grazie ad un colpo di testa del suo bravo laterale destro su punizione dalla trequarti.

La reazione della compagine ospite non fa tremare i polsi: l’unica vera occasione è per Murolo, a conclusione di una bella trama offensiva, sprecata dall’attaccante metelliano con un improbabile pallonetto neutralizzato senza problemi.

Il Cava United preme e conquista un marcato predominio territoriale, ma le occasioni da gol latitano anche grazie al buon lavoro dei difensori locali, sempre pronti a neutralizzare le iniziative degli attaccanti biancoblu.

Il manuale del calcio si sa, prevede un alto rischio di gol in contropiede quando una squadra è protesa in attacco per raggiungere il pareggio e anche stavolta non viene smentito.

A metà primo tempo, un lancio senza pretese in avanti del Bracigliano, trova impreparata la difesa del Cava United, ma non l’esperto attaccante locale che realizza il due a zero.

La prima frazione di gioco si chiude con un forcing costante ma sterile degli ospiti: l’unica emozione è data da un colpo di testa di Baldi, terminato di poco alto sulla traversa.

La ripresa vede un Cava United motivato e convinto di poter rientrare in partita, la supremazia territoriale è evidente e anche la manovra offensiva appare più fluida.

L’impegno profuso dai ragazzi metelliani produce diverse nitide occasioni da rete non concretizzate dagli attaccanti e puntuale, come una sorta di castigo, arriva in contropiede il terzo gol del Bracigliano che chiude definitivamente la partita.

Al novantesimo il punteggio a favore del corretto team di Bracigliano si fa ancora più rotondo, grazie ad una rete  su punizione che trafigge per la quarta volta l’estremo difensore ospite.

Il  triplice fischio libera la legittima gioia della compagine locale, che pur non avendo obiettivi di classifica importanti, raccoglie una vittoria di prestigio  e sancisce la fine di un pomeriggio da incubo per gli ospiti.

Unica nota lieta l’inimitabile passione e calore dei supporters metelliani che hanno sostenuto i propri beniamini per tutta la gara, seppur mortificati dal dover assistere alla partita in una sorta di recinto stante l’inagibilità della tribuna dello stadio di Bracigliano.

Arduo il compito che attende Mister Senatore e il suo staff. Ridare smalto e motivazioni  dopo la batosta odierna non sarà semplice  .

FORZA RAGAZZI !!!!!!!!!!!

CAVA UNITED ALE’

Vota questo articolo
(2 Voti)

Domenica mattina l'Under 17 del Cava United ha disputato la sfida casalinga valida per il campionato regionale contro la Calpazio, compagine della città di Battipaglia.

Questa sfida è terminata con il risultato di 0-2. Pur sembrando questo risultato netto, il primo tempo è stato dominato dalla squadra di casa, che dopo aver cominciato bene anche la seconda frazione di gioco, si è lasciata andare, perdendo rovinosamente la gara.

Ovviamente la formazione metelliana sperava in un risultato ben diverso, per poter finalmente interrompere la striscia di risultati negativi. Finora il Cava United non aveva mai perso così tante partite, una di seguito all'altra.

Questo problema potrebbe essere dovuto ad un calo fisico o di concentrazione, sta di fatto che il Cava United non riesce più a vincere.

La prima frazione di gioco è iniziata subito in maniera positiva, infatti il portiere della Calpazio ha deviato in calcio d'angolo un tiro Adinolfi. Dopo poco anche il portiere Lazzarini si è messo in mostra con un'ottima parata.

Verso la metà del primo tempo la Calpazio è passata in vantaggio. Un calcio di punizione dalla trequarti con il pallone rimpallato dalla barriera, è carambolato al centro dell'area di rigore. Qui la sfera è stata colpita di testa da un'attaccante battipagliese, che ha anticipato il suo marcatore e ha segnato il primo goal dell'incontro.

Lo United ha cercato di reagire in qualche modo, con i soliti Adinolfi e Caso, ma nulla da fare.

In particolare, l'estremo difensore della formazione ospite ha effettuato una grande parata su un tiro defilato proprio del centrocampista Caso.

La squadra di casa ha cominciato il secondo tempo in modo molto aggressivo, cercando di costruire un po' di gioco per vincere, o almeno pareggiare la partita ma la squadra ha comunque faticato molto, ottenendo poco di concreto.

L'opportunità più limpida è passata attraverso i piedi di capitan Virno, che ha calciato una punizione finita di poco alta sulla traversa.

A metà della ripresa il Cava United è rimasto in dieci, a causa dell'espulsione per somma di ammonizioni del capitano. Questa espulsione non ha di certo aiutato la squadra di mister Trapanese, che avrebbe dovuto recuperare una rete in inferiorità numerica.

La squadra battipagliese, sfruttando al meglio gli episodi, ha preso coraggio, e ha addirittura segnato il goal del raddoppio. Dopo aver conquistato una punizione, uno dei calciatori ospiti ha segnato direttamente da calcio piazzato, prendendo in controtempo il portiere Lazzarini, tratto in inganno dalla traiettoria della palla.

Questa rete ha spezzato le gambe al team metelliano, che non ha avuto più le forze, il coraggio e il tempo di recuperare il pesante svantaggio.

Si dice in gergo calcistico che in primavera si vincono i campionati. Lo United non vuole certamente aggiudicarsi questo campionato, ma sicuramente vuole chiuderlo nel migliore dei modi, non dimenticando quanto impegno mettono i membri della società tutta nel portare avanti questo progetto, questo sogno.

Ecco, ora si dovrebbe trovare un po' di quella grinta che contraddistingue lo United, e che nei momenti di maggior difficoltà spunta fuori e permette a chiunque di raggiungere i propri obbiettivi.

Forza United, sempre...

Pagina 1 di 11