Sunday, 19th 11 2017
07:35:49

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Google+: u/0/100341328843922730230
  • Picasa: 110953083082960306505
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Il Calcio è della Gente! slogan dell'Associazione Sogno Cavese - Articoli filtrati per data: Gennaio 2017
Le premesse per un pomeriggio di gioia per il Cava United  erano diverse.
 
La prima storica trasferta in gare ufficiali di campionato fuori provincia, la folta presenza di supporters sugli spalti e il ridente paesaggio dei Monti Lattari, circostante il terreno di gioco, non sono stati, però, forieri di una buona prestazione dei metelliani.
 
Esperienza, semplicità tattica e un discreto livello tecnico, sono stati sufficienti allo Stabia Friends per rendere amaro il pomeriggio alla compagine cavese.
 
Il primo tempo denota una supremazia territoriale degli stabiesi, che riescono a rendersi pericolosi con buone trame di gioco, ma per il buon Gianluca Ragone solo interventi di ordinaria amministrazione.
 
Gli attaccanti gialloblu riescono a impegnare i difensori ospiti, Altobello e Memoli devono mettere in campo tutta la loro esperienza e fisicità per evitare danni maggiori.
 
Il Cava United, come spesso avviene nella prima frazione di gioco, sembra impacciato, quasi intimorito e non crea nessuna occasione da gol, tranne una velleitaria conclusione dal limite di Coppola.
 
Il centrocampo cavese, complice la scarsa vena del faro Iovine non produce trame di gioco efficaci.
 
Fiduciosi i supporter metelliani di un cambio di marcia dei loro beniamini nella ripresa, ma già dai primi mimuti si avverte che la giornata non è di quelle da ricordare.
 
Al decimo grande occasione per il Cava United, punizione dal limite ed espulsione di un difensore avversario: potrebbe essere la svolta della gara, ma l'esecuzione della stessa non è delle migliori.
 
La superiorità numerica dovrebbe (mai condizionale piu appropriato) dare una scossa al team biancoblu, ma una dissennata gestione del possesso palla e la sagacia tattica degli stabiesi, subito pronti a schierarsi con un efficace 4-4-1, vanificano ogni tentativo dei ragazzi di mister Senatore.
 
Puntuale arriva il meritato vantaggio dello Stabia Fiends: lancio dalle retrovie ben calibrato, concretizzato da un ottimo controllo e pallonetto del neo-entrato attaccante stabiese.
 
La reazione del Cava United è sterile e improduttiva, pericoli per il portiere avversario nemmeno l'ombra e solo un tentativo del neo-entrato Senatore crea qualche brivido .
 
L'espulsione di Altobello ristabilisce la parità dei contendenti in campo e la conseguenza immediata è il raddoppio stabiese, grazie ad un astuta conclusione in area dopo un’azione confusa.
 
Ne sussegue l'espulsione di Iovine, reo di una inutile protesta nei confronti del direttore di gara, che recide ogni possibile tentativo di rimonta.
 
Il triplice fischio sancisce la fine di una gara deludente, resa ancora piu amara dagli infortuni di Perfetto e Amendola, che sommati alle espulsioni di Altobello e Iovine renderanno problematico l'allestimento della formazione per il prossimo (duro) impegno casalingo.
 
Domenica arriva un avversario ostico, ma la fiducia in una capacità di rialzarsi con orgoglio e tenacia dopo una dura sconfitta da parte dei nostri ragazzi è tanta.
 
Compatti e con occhi di tigre ..........ALE' CAVA UNITED.
Pubblicato in Articoli Cava United

Domenica ha avuto luogo sul campo di Santa Lucia di Cava de'Tirreni, lo scontro tra Cava United e Virtus S. Antonio Abate, valido per il campionato regionale Under 17.
Il match si è concluso col risultato di 0-1 a favore degli ospiti. La gara è stata molto equilibrata e il risultato è stato in bilico fino
all'ultimo minuto di gioco. Il goal è arrivato come una doccia fredda per i ragazzi di mister Perfetto e per i loro tifosi. Il Cava United è sceso in campo col completo bianco-blu, colori caratterizzanti della formazione metelliana, mentre gli avversari hanno indossato un completo giallo-rosso. La partita è stata giocata molto sul piano atletico; le due compagini, infatti, hanno da subito dimostrato grande caparbietà, lottando su ogni pallone. L'agonismo, dicevamo, l’ha fatto da padrone, anche se in alcune occasioni si è trasformato in eccessiva aggressività.
Pochi gli episodi da segnalare nella prima frazione di gioco. I padroni di casa si sono affacciati verso lo specchio avversario in due occasioni. In entrambi i casi ad essere protagonista è stato Senatore, che prima ha calciato in maniera sbilenca, senza inquadrare la porta, e poco dopo ha effettuato un tiro velenoso respinto da un difensore. Nessun pericolo, invece, per il portiere cavese Cuccurullo. Ad infiammare la gara, un intervento del numero 2 della formazione ospite, che ha scatenato la reazione degli avversari. L'arbitro ha quindi, espulso lo stesso giocatore abatese e Trezza, difensore bianco-blu, reo di aver reagito in maniera violenta.
Nel secondo tempo la gara è stata alquanto monotona, anche perché le due squadre si sono annullate.
Gli estremi difensori hanno avuto vita facile. Gli ultimi istanti dell'incontro sono stati ricchi di emozioni. Il Cava United è andato vicinissimo al goal, con il centrocampista Caso, il più brillante dei suoi, che ha calciato in maniera precisa e angolata, ma ha trovato l'ottima risposta del portiere della Virtus Sant'Antonio Abate, che ha salvato il risultato. Poco dopo, però, con un rovesciamento di fronte, la formazione giallo-rossa si è portata in attacco, tentando il tutto per tutto. Un bellissimo tiro dell'esterno destro ospite ha messo fuori causa il portiere Cuccurullo e si è insaccato alle sue spalle.
Questa rete, tra l’altro molto spettacolare, ha deciso l'incontro. Il Cava United è sicuramente uscito a testa alta da questa gara,
dimostrando di essere allo stesso livello delle squadre avversarie incontrate finora. Spesso una sconfitta è più importante di una vittoria perché si possono imparare insegnamenti fondamentali.
Ora bisogna pensare alla prossima gara, che sarà disputata nuovamente in casa. Il Cava United ospiterà la Pixous 2002 Sapri, imbattuta finora in questo campionato Under 17. L'incontro sarà difficile, ma i ragazzi di mister Perfetto possono farcela.

Pubblicato in Articoli Cava United
Sabato, 21 Gennaio 2017 23:23

Terra e sassi e si torna a sorridere

Il campo in terra battuta è da sempre  una delle icone del calcio "old style", quello autentico fatto di passione e di puro agonismo.

Il calcio, per intenderci, amato dai soci, sostenitori e componenti del Cava United, e proprio nel giorno del ritorno sul terreno di gioco in terra battuta del comunale di “Santa Lucia” il team dell'appassionato presidente Alfieri sfodera una prestazione di elevato spessore tecnico e agonistico.

Alla presenza di un buon pubblico, la gara inizia con ritmi lenti, conseguenza del lungo periodo di stop del campionato e del reciproco timore di commettere passi falsi.

La posta in gioco è importante, l'accesso ai play off non permette distrazioni.

 

Primi venti minuti con portieri inoperosi, passaggi sbagliati e difficoltà evidenti nel trovare geometrie di gioco da parte del Cava United; buono però il lavoro sulle fasce degli esterni e dei centrocampisti, in particolare di Iovine, ma le occasioni da gol latitano.

Finalmente è Coppola  a illuminare le trame metelliane, ottimo il suo lancio per Salsano (buono il suo rientro) che però spreca con un colpo di testa timido e imprecise; più ghiotta la seconda chance un minuto dopo con un bel dialogo sull’asse Desiderio-Coppola con quest’ultimo che serve in area un assist al bacio per Salsano solo davanti alla porta anticipato di un soffio dal piede dell’estremo ospite che sventa la minaccia; stesso copione dopo pochi minuti, ma stavolta l'esterno metelliano viene spinto in area con un intervento al limite del regolamento.

La pressione dei ragazzi di Mister Senatore aumenta e il gol non sembra più  la chimera dei primi minuti.

Il vantaggio del Cava United arriva su rigore decretato dall'arbitro per un fallo su Senatore, che suscita vibrate proteste da parte dei calciatori angresi.

Da manuale del calcio, (pagina 344) parafrasando il buon Josè Altafini, la realizzazione di Michele Desiderio.

Il gol  "more solito" sblocca la compagine di casa e di conseguenza migliora il possesso palla e  aumenta il livello di  concentrazione, che permette di chiudere la prima frazione di gara senza affanni .

Nella ripresa si attende una reazione veemente del Deportivo Doria, squadra esperta e con qualche buona individualità, ma il Cava United con sagacia tattica e con personalità (a volte latente durante le precedenti gare), smorza ogni iniziativa avversaria .

Gli innesti di Memoli e Sica, al debutto in questo campionato, non alterano gli equilibri in campo, gli esterni Coppola e Salsano creano scompiglio sulle fasce, la difesa chiude abilmente i varchi negando ogni possibilità agli attaccanti biancorossi.

L'unica occasione della ripresa è costituita da un calcio di punizione dal limite tirato dalla punta di diamante Desiderio,  che sfiora il palo alla destra del portiere.

Il triplice fischio spegne le velleitarie ambizioni di pervenire al pareggio del Deportivo Doria e attenua l'apprensione dei tifosi di casa,  finalmente liberi di esternare tutta la gioia per un ottimo risultato e una convincente prestazione dei propri ragazzi.

Il valore tecnico del team biancoblu può assecondare ogni ambizione,  bisogna adesso dare continuità a questa ritrovata convinzione e unità di intenti con il massimo impegno da parte di tutti.

Non si puo chiudere questo articolo senza un riferimento al bel pomeriggio vissuto sugli spalti,  all'insegna del tifo corretto, dell'amicizia e dell'armonia.

Prossimo appuntamento in trasferta contro un  avversario temibile, da martedi  tutti al lavoro con impegno e determinazione!!!!!!!!!

ALE’ CAVA UNITED

Pubblicato in Articoli Cava United

 

Alla ripresa del campionato, dopo un mese di sosta, arriva un buon pareggio per l’under 17 allenata da mister Perfetto.

A Piedimonte in una serata caratterizzata dal freddo ormai insistente sulla nostra regione da parecchi giorni, si affrontano in un derby inedito la Nocerina di mister Lieto e i metelliani di mister Perfetto.

Quest’ultimo, che deve fare a meno tra squalificati e febbricitanti di almeno sei elementi della rosa, schiera il seguente undici: Cuccurullo, Amato, De Sio, Trezza, Baldi, Caso, Lambiase, Adinolfi, Guarino, Senatore e Crispino.

Subito pericoloso lo United all’alba del match con Crispino, il quale a tu per tu con l’estremo di casa spara incredibilmente alto e fallisce l’uno a zero; la Nocerina subisce il colpo e rischia di capitolare in altre due occasioni: prima è Adinolfi a impegnare severamente il portiere di casa con un gran diagonale e poi su cross di Guarino il portiere di casa para facilmente un colpo di testa di Senatore, che da buona posizione colpisce debolmente.

Esaurita la spinta iniziale, il Cava United arretra sensibilmente il proprio baricentro e anche per merito della squadra molossa, subisce le iniziative avversarie che vanno vicino alla rete in almeno tre occasioni; molto bravo Cuccurullo a farsi trovare pronto sulle conclusioni dei padroni di casa.

Prima del riposo fioccano diverse ammonizioni a causa di qualche intervento al limite sanzionato con il giallo dalla giacchetta nera Coppola della sezione di Napoli.

Nella ripresa si ripete il copione della prima parte, almeno per quanto riguarda la prima mezzora. E’ infatti il Cava United a sfiorare nuovamente il vantaggio con Crispino che su battuta d’angolo colpisce a colpo sicuro a due metri dalla porta, ma sulla linea un difensore respinge miracolosamente e spedisce in calcio d’angolo. Mani nei capelli per i cavesi.

La Nocerina non ci sta e cerca il gol del vantaggio ma un po’ per imprecisione dei sui attaccanti e un po’ per la giornata di grazia dell’estremo Cuccurullo non riesce a passare. Ne va che la gara si avvia all’ultimo quarto d’ora sul punteggio di un giusto pareggio, mentre il direttore di gara estrae il secondo giallo per il numero 8 di casa per un fallo su Caso. Il vantaggio numerico dura un minuto poiché anche Adinolfi subisce il secondo giallo per una protesta inutile.

Ristabilita la parità numerica i giocatori in campo dopo essersi data battaglia per oltre un’ora di gioco appaiono stanchi: a farne le spese sono due giocatori molossi che perdono la testa e inveiscono platealmente contro l’arbitro che li manda anzitempo negli spogliatoi.

Il Cava United, forte della superiorità numerica degli ultimi minuti di gara, cerca di approfittarne. Ci prova Senatore dalla distanza ma il suo pallone finisce alto; poco dopo arriva un penalty che potrebbe decidere la gara. Sul dischetto si presente capitan Trezza che calcia alto sopra la traversa sprecando l’occasionissima per portare in vantaggio i suoi.

Negli istanti finali ci prova Caso che entra in area, ma calcia sul portiere nocerino che devia in angolo.

Al triplice fischio finale resta l’amaro in bocca per aver sprecato un’occasione unica per espugnare il campo di Piedimonte, anche se il pareggio resta un ottimo risultato contro una compagine molto forte.

Alè United

Pubblicato in Articoli Cava United