Monday, 18th 12 2017
02:06:23

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Google+: u/0/100341328843922730230
  • Picasa: 110953083082960306505
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Il Calcio è della Gente! slogan dell'Associazione Sogno Cavese - Articoli filtrati per data: Settembre 2017
Venerdì, 29 Settembre 2017 17:14

Tra una stagione e l'altra

Tra una stagione e l’altra passa troppo tempo. Passa tanto di quel tempo che quando ti tocca ricominciare incontri le difficoltà del novizio: i palloni sono sgonfi, le borracce dove sono, ma la scaletta che fine ha fatto?, il terreno è troppo duro e …cacchio ma questi ragazzi vanno tesserati!

A qualcuno di voi sarà scappata una risata, ma vi assicuro che succede questo alle nostre latitudini: è il dolce prezzo da pagare al dilettantismo, ma con fierezza e spirito di sacrificio, tempo dieci giorni (vabbè facciamo venti suggerirebbe mister Longino), ci trasformiamo, l’organizzazione societaria e delle squadre diventa di serie…non sprechiamo paragoni, anche perché noi siamo noi, siamo il Cava United, la realtà cittadina dove tutti diventano utili proprio perché diventano parte integrante di questo community club e ne decretano il successo (si spera) o le difficoltà.

Uno degli obiettivi che ci siamo impegnati a perseguire nelle ormai datate riunioni di fine stagione scorsa è il ritrovare l’umiltà; probabilmente lo scorso anno la promozione in seconda categoria ha inciso negativamente sul nostro ego e la retta via è stata un po’ smarrita: poco divertimento, incomprensibili tensioni e spalti che andavano via via svuotandosi sono stato l’amaro risultato della mancanza di umiltà…poi siamo d’accordo sono capitate un bel po’ di cose, ma è bene individuare la cosa che più di tutte ci ha fatto riflettere e definire la priorità per la prossima stagione sportiva, definita dai più quella dell’anno zero.

Se tante persone non hanno più seguito lo United non possiamo scaricare la responsabilità sulla tessera del tifoso (a proposito che pagliacciata questo ping pong tra le istituzioni per dichiararne definitivamente il fallimento), oppure attaccare la società (cioè noi) per il caro biglietti, perché in entrambi i casi i campi di periferia sono ancora vaccinati e immuni da queste malattie del cosiddetto calcio moderno…e ci piace così. Pertanto per l’anno che verrà riforniamoci di tante “dosi” di goliardia e torniamo a divertirci sugli spalti, ma soprattutto che si divertano i nostri beniamini in campo.

Agli amici di sempre ricordiamo che quest’anno si ritorna al “San Pietro”, invitandoli a risintonizzare le frequenze affinché non manchino all’appuntamento del sabato pomeriggio, dove in alternanza giocheranno prima squadra e juniores (affidata alle cure di mister Senatore) e dove torneremo a fare un po’ di casino, la radiocronaca e qualche sana bevuta.

Ora proviamo a recuperare qualche giorno sulla tabella per diventare una società seria: raccomandata alla lega (da fare), abbigliamento sportivo (ordinato), visite mediche (programmate)…dai ci siamo quasi.

Troppo tempo tra una stagione e l’altra. Meno male!

Pubblicato in Articoli Cava United

Sabato 16 e domenica 17 settembre si è tenuta a Prato l'assemblea nazionale di Supporters in Campo. Erano presenti i rappresentanti dei seguenti trust: 

Cava United, Fondazione Taras, Brindisi, L’Aquila, Prato, Modena, Rimini, Derthona, Ascoli, Verona/Virtus Fortitudo, Lucca, Noi Samb, Roma (non rappresentano un trust). 

Inoltre erano presenti Lukas Anastasiadis per Supporter Direct Europe e due membri di FASFE in Spagna. 

L'incontro è servito come occasione di confronto e condivisione. Nel corso delle due giornate assembleari si è parlato di gestione e controllo di una società di calcio da parte dei trust. Ogni trust presente ha parlato della propria esperienza, ha dato consigli e chiesto informazioni. I rappresentanti di FASFE (Associazione spagnola dei club con azionariato popolare) hanno raccontato la loro esperienza e dato molti consigli utili vista la loro pluriennale esperienza. Certamente dal confronto è venuto fuori il difficile momento storico che sta attraversando tutto il movimento in Italia. Per questo motivo noi di Sogno Cavese abbiamo voluto focalizzare l'attenzione sulla nostra esperienza e sulle nostre scelte. Abbiamo ribadito che, sulla scorta della nostre esperienze passate, per far sì che un progetto di azionariato popolare si realizzi veramente secondo i suoi capisaldi, sia necessario partire dalle serie minori. Questa convinzione deriva da molteplici ragioni che vanno da aspetti culturali, economici fino ad arrivare ai condizionamenti esterni a cui è sottoposto un club a certi livelli. Per cui un calcio che arriva dal basso, più vicino alla gente, può essere occasione per creare le condizioni affinché i valori fondativi di questo movimento possono veramente realizzarsi, creando così una cultura e una coscienza sportiva in grado nel tempo di sostenere e portare avanti un cammino difficile e tortuoso come quello che ci siamo prefissati. In estrema sintesi, possiamo considerare soddisfacente l'assemblea di Prato, in quanto occasione di autoanalisi e autocritica in seno al movimento nel tentativo di poter migliorare e crescere in futuro.

 

Al termine dei lavori si è confermato in toto il consiglio di coordinamento uscente: Diego Riva resta Presidente, coadiuvato da Cosimo Dolente, Mirko Cecconi, Alex Sometti, Pippo Russo e Stefano Pagnozzi.

Pubblicato in Supporters in Campo