Sunday, 18th 11 2018
21:12:31

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online

  • Facebook Page: 526695580737775
  • Twitter: ilcalciolagente
  • YouTube: IlCalcioedellaGente
Sei qui:
Domenica, 21 Gennaio 2018 11:42

Desiderio di vittoria

di Gianfranco Sica

Una vittoria striminzita nel punteggio e nel gioco quella conquistata dal Cava United Football Club ai danni di una Galdese lontana parente della squadra granitica dello scorso anno, ma ben disposta in campo dal bravo trainer Antonio Alfano.

L’approccio alla gara delle due formazioni è disarmante, i passaggi sbagliati, gli errori in disimpegno e i goffi tentativi di impensierire i rispettivi portieri ne sono il risultato.

Il primo tempo  con contenuti tecnici da torneo dopolavoristico moldavo,  non consentono al cronista un solo appunto sul proprio taccuino; fortunatamente un tiepido e piacevole  sole e la consueta allegria sugli spalti, allietati anche dai festeggiamenti per il compleanno della tifosissima Miryam (auguri!!!) rendono meno noioso il pomeriggio.

Il  doppio fischio di un bravo ed attento arbitro, mai così atteso, pone fine ad un primo tempo inguardabile.

Il volume della “ramanzina “ del bravo mister Longino negli spogliatoi è molto più alto del solito, c’è da scuotere e rinvigorire l’atteggiamento dei suoi e l’impresa non appare agevole.

L’inizio della ripresa “more solito “  è caratterizzato da una maggiore caparbietà dei metelliani, che finalmente riescono ad imbastire trame di gioco piacevoli ed a rendersi pericolosi.

Si gioca in una sola metà campo, i volitivi Galdesi encomiabili per impegno,  sono in  evidente difficoltà complice anche un calo fisico e di energie, il solo Murolo (ex di giornata) sembra in grado di creare qualche situazione di gioco accettabile.

I frutti della ritrovata  “verve “ dei cavesi sono raccolti meritatamente  al 15, con Desiderio autore di una strepitosa progressione da centrocampo conclusa con un pallonetto che trafigge l’incolpevole portiere ospite.

La prodezza del prode Desiderio scatena il giusto entusiasmo sugli spalti, ripaga la noia della prima parte di gara e ridà entusiasmo e vigore al Cava United FC; la Galdese subisce lo svantaggio e sembra non essere in grado di opporre  resistenza.

L’ultima parte di gara è caratterizzata da una serie di ghiotte occasioni per il raddoppio sprecate dai padroni di casa, una in particolare dal bravo Amedeo Trezza che a tu per tu con il portiere non riesce a realizzare e portare a tre le reti del suo ottimo score personale.

Ultimi minuti di consueto pathos per il timore di una beffa, sempre possibile a questi livelli, ma la buona volontà e l’impegno degli attaccanti ospiti non producono nessun serio pericolo per il bravo Ragone.

L’agognato triplice fischio di un attento direttore di gara pone fine alla tensione e permette ai supporters cavesi di rilassarsi e di gioire per una  vittoria molto importante per la classifica e la corsa alla zona play off.

Il pensiero è già per la prossima impegnativa gara in trasferta contro una delle migliori squadre del girone, il Cetara di mister Torrente, oggi inopinatamente sconfitto.

Per concludere  una dovuta  annotazione sulla correttezza della gara e dei suoi protagonisti, nessun isterismo, nessun brutto fallo e tanto rispetto reciproco, ovvero gli elementi fondamentali del nostro modo di vivere il calcio e lo sport in generale.

ALE’ CAVA UNITED.

Pubblicato in Articoli Cava United

I campionati “minori”, spesso, vengono additati come una sorta di gironi infernali in cui predomina il gioco duro,  la mancanza di rispetto per arbitri e avversari, e dove predomina solo per lo più lo scarso valore tecnico-tattico.

Nulla di tutto questo, invece, nella gara odierna disputata  al “Duca Ravaschieri“ di Roccapiemonte,  dove le due contendenti  hanno dato vita ad una partita correttissima e piacevole sotto l’aspetto tecnico nonostante l’alta posta in palio.

L’inizio di gara denota un lieve dominio territoriale dei metelliani, che cercano con le armi del possesso palla e del  gioco corto, tanto caro a Mister Senatore, di imbastire azioni pericolose per la difesa galdese.

La compagine locale sembra sorpresa dall’approccio vigoroso alla gara del Cava United e non riesce a reagire in maniera efficace.

Timidi i tentativi della Galdese di creare problemi alla difesa avversaria presidiata da un Altobello in forma smagliante e autore di una prestazione all’altezza delle sue capacità di categoria superiore (“ti vogliamo cosi” caro Cristian), e ottima anche la prova del suo compagno di reparto Memoli.

La gara procede con ritmi intensi e serrati, ma i portieri restano inoperosi: due conclusioni dal limite dell’area del Cava United di Sica e Lambiase, chiudono le ostilità della prima frazione di gioco.

La ripresa si apre con un deciso cambio di marcia dei locali, che al quinto minuto creano una ghiotta occasione da gol con una bella triangolazione in area metelliana, non concretizzata per un grossolano errore dell’attaccante galdese.

L’occasione mancata galvanizza la compagine ospitante, che si rende ancora pericolosa in un’azione di contropiede, sventata da un provvidenziale intervento del sempre attento Gianluca Ragone.

Il Cava United soffre ma gestisce con sagacia e personalità il momento di appannamento e pian piano riprende a macinare gioco; Coppola, subentrato all’infortunato Senatore, entra in partita e fa valere le sue indubbie qualità e crea più di qualche affanno alla difesa avversaria.

Il forcing metelliano produce due nitide occasioni da rete: la prima su una conclusione di Coppola, respinta dal portiere galdese sui piedi di Mosca, che non si avvede di un compagno libero a pochi passi, ma conclude sul difensore avversario.

Dopo pochi minuti lo stesso capitano metelliano si rende pericoloso  in area ospite con una buona conclusione, che per poco non libera la gioia dei supporters cavesi.

Gli ultimi minuti sono contraddistinti dai generosi tentativi del Cava United di vincere la gara, ma la stanchezza, figlia di una gara intensa e combattuta, la fa da padrona e non consente di gestire le azioni con la dovuta lucidità e precisione.

Il triplice fischio dell’ottimo direttore di gara (giovane e promettente), sancisce un giusto pareggio tra due  squadre in salute, che ha divertito ed emozionato entrambe le tifoserie.

Il Cava United palesa ancora i progressi in termini di personalità e di gestione delle fasi cruciali della gara già visti nel precedente impegno casalingo.

La strada è quella giusta, ora serve continuità e impegno e magari qualche efficace amuleto contro la malasorte, visto l’ennesimo infortunio odierno di un suo atleta, l’ultimo di una lunga lista iniziata a settembre.

Pensavate  davvero che potessi chiudere il resoconto senza un accenno a voi inimitabili, appassionati  supporters metelliani?  Certo che no………. Se la vostra passione si tramutasse in punti in classifica, il campionato sarebbe già finito………PER MANIFESTA SUPERIORITA’.

ALE’ CAVA UNITED!

Pubblicato in Articoli Cava United