Stampa
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

La locandina della seconda edizione

Con la seconda edizione del torneo "Il Calcio è della Gente!"  si compie, moralmente, una prima parte del nostro percorso associativo. Oggi per noi è molto più chiaro, rispetto al passato, il significato della parola associazione. E' maturato fortemente il desiderio più nobile dello stare insieme, del dedicare in maniera spontanea una parte del proprio tempo agli altri ed è maturata la consapevolezza che la gente, specie in periodi di crisi come questo, ha un gran bisogno di trovare delle organizzazioni come la nostra. Attività sportiva al servizio  del sociale, attività associativa per raggiungere obiettivi comuni senza dimenticare il motivo che ci ha uniti: il calcio. Un nuovo scopo sociale è da perseguire ed il motto "Il Calcio è della Gente!" ha bisogno di entrare anche nelle vostre priorità cari genitori. Ciò che vi chiediamo è di aiutarci in questo scopo e riprenderci ciò che è nostro. Il vostro esempio sarà decisivo per i vostri figli. Da dove iniziare? Ebbene una prima risposta potrebbe essere quella di fare associazione insieme a noi, partecipare direttamente, sostenerci attivamente. E poi magari vi diremo che il gioco non è quello che avviene nelle agenzie di scommesse, ma è quello che si pratica sui campi di calcio, come oggi avviene sotto i vostri occhi. Vi diremo che lo sport, il calcio in questo caso, è un mezzo per star bene con se stessi e con gli altri e non un mezzo per arrivare. Vi diremo che i ragazzi, i vostri ragazzi, hanno solo la necessità di divertirsi, di sbrigarsela da soli se in campo qualcosa non va, di fare squadra e non di sentirsi i migliori o i più scarsi.

Vi diremo che questo è solo un aspetto, quello base, dello scopo da perseguire poiché il sogno è far crescere una comunità che ritrovi il senso di appartenenza attraverso la riappropriazione delle sue cose e dei suoi spazi.

Adulti, bambini, adolescenti, fortunati e meno fortunati, tutti uniti attraverso il calcio. Come in una squadra, la nostra squadra.

Né santi né eroi, solo un sogno.

Un Sogno Cavese